I PILOTI "REALI" NELLE STORIE 

DI MICHEL VAILLANT 

  

 

  PIERCARLO GHINZANI

Piercarlo Ghinzani, detto "Ghinza", è nato il 16 gennaio 1952 a Bergamo. Inizia a 18 anni in Formula Ford. Nel 1973 vince due gare in Formula Italia. Solo nel 1976 ha i mezzi tecnici sufficienti per farsi notare in Formula 3: vince 3 corse ed ottiene il secondo posto nel campionato italiano. Dopo una stagione da dimenticare in Formula 2, ritorna in Formula 3 e, nel 1977, è secondo nel campionato italiano. Lo stesso anno, partecipando solo alle date italiane, riesce a vincere il titolo europeo. Nel 1979 è nuovamente campione italiano di Formula 3 e campione italiano di velocità. Nel 1980 corre in endurance con la Lancia. Nel 1981 è partecipe del titolo mondiale endurance della Lancia Martini. Lo stesso anno Enzo Osella gli offre l'opportunità di debuttare in Formula 1: Ghinzani, nonostante le modeste potenzialità della sua vettura, riesce a qualificarsi nel Gran Premio del Belgio. Non può fare altrettanto a Monaco. 

Ritorna in endurance e, nel 1982, vince la 1000 Km del Mugello assieme ad Alboreto . L'anno seguente Osella gli offre la possibilità di correre l'intera stagione in Formula 1. Ghinzani riesce a prendere il via solo in sette occasioni ed a vedere la bandiera a scacchi solo in una. La stagione successiva, sempre pilotando una Osella, a causa di un incidente durante il warm-up del G.P. del Sud Africa rischia di morire tra le fiamme. Viene salvato grazie al coraggio di un commissario di pista. Tre settimane dopo, nonostante le ustioni, è già al via del Gran Premio di Zolder. Quell'anno riesce ad arrivare settimo a Monaco e, nel G.P.di Dallas, può cogliere i suoi primi, ed unici, punti mondiali. Nel 1985 inizia la stagione ancora con l'Osella poi, a metà campionato, passa alla Toleman. I risultati però sono altrettanto deludenti e l'anno dopo è ancora con l'Osella. Lo stesso anno, in endurance, vince la 1000 Km del Fuji e la 200 Miglia del Kyalami con una Porsche. 

Nel 1987 troverà un buon volante, accanto a Renè Arnoux, alla Ligier. Nonostante riesca sempre a qualificarsi, non riuscirà mai ad andare a punti così, l'anno successivo, firma per la squadra tedesca Zakspeed. La stagione si rivelerà molto difficile e Ghinzani riuscirà a qualificarsi solo in otto occasioni.  L'ultima stagione in Formula 1 lo vede ritornare, per l'ennesima volta, all'Osella. Qualificatosi solo tre volte, non riesce mai a terminare la gara. Ghinzani così lascia la Formula 1. Corre ancora in qualche occasione in endurance o con le GT poi si ritira definitivamente. Dopo aver appeso il casco al chiodo, nel 1992 fonda un team che porta il suo nome e che partecipa a campionati italiani ed europei in Formula 3, ma anche a livello mondiale correndo il campionato A1 Grand Prix World Cup.

  

 

Piercarlo Ghinzani è apparso nelle storie di Michel Vaillant:

 

nell episodio n° 51 della s.n. 

"Le caid de Francorchamps" (1988) "Il boss di Francorchamps"

 

Piercarlo Ghinzani con la Zakspeed

 

 

 

 

I PILOTI "REALI" -  PIERCARLO GHINZANI

 Il sito non utilizza cookie di profilazione ma solo cookies tecnici e di terze parti. Per saperne di più vai alla pagina "PRIVACY POLICY E COOKIE"