I PILOTI "REALI"  NELLE STORIE 

DI MICHEL VAILLANT 

  

 

  DAVID COULTHARD

David Marshall Coulthard è nato a Twynholm in Scozia il 27 marzo 1971. Inizia con i kart con i quali si aggiudicherà numerosi titoli di campione di Scozia tra il 1983 ed  il 1988. Nel 1989 passa alla Formula Ford 1600 dove si aggiudicherà il titolo di campione britannico. Nel 1991 è vicecampione britannico di F. 3. Nel 1992 fa il suo esordio in F.3000 dove, l'anno successivo, si aggiudica il terzo posto nel campionato. Lo stesso anno diventa pilota di prova della scuderia William. Nel 1994, fa il suo esordio in F.1, sempre con la Williams, sostituendo lo sfortunato Senna. Va a punti nei primi 5 G.P. arrivando anche secondo in Portogallo. L'anno successivo  arriva per ben 8 volte sul podio e si aggiudica il suo primo G.P. in Spagna. Alla fine è terzo nel mondiale. 

Nonostante questi notevoli risultati, l'anno dopo la Williams lo lascia andare alla McLaren, squadra con la quale resterà per ben 9 stagioni. Nel 1996 è assieme ad Hakkinen, pilota con il quale resterà fino al 2001. Il primo anno  sale due volte sul podio ma, nel 1997, ritorna al successo vincendo a Melbourne ed a Monza. Nel 1998  vince a Imola, arriva per altre 8 volte sul podio, ed è terzo nel mondiale. Nel 1999 vince a Silverstone e a Spa-Francorchamps, arriva per altre 4 volte sul podio,  ed è quarto nel mondiale. In entrambe le annate deve fare da secondo ad Hakkinen il quale si aggiudica due titoli mondiali consecutivi. Nel 2000 vince 3 G.P. (Gran Bretagna, Monaco e Francia), arriva per altre 6 volte sul podio, ed è terzo nel primo mondiale vinto da Schumacher con la Ferrari. Nel 2001, con 2 vittorie (in Brasile ed in Austria) ed altri 8 podi, arriva secondo nella classifica finale del mondiale dietro a Schumacher e, per la prima volta, davanti al compagno di squadra che è solo quinto. L'anno dopo, con la partenza di Hakkinen e l'arrivo del giovane Raikkonen, diventa "prima guida". Il suo momento magico, però, sembra ormai passato: una sola vittoria, a Monaco ed un totale di 6 podi gli permettono di concludere con  un anonimo quinto posto nella classifica finale del campionato. 

Nel 2003, con l'unica vittoria a Melbourne ed altri 2 podi, viene letteralmente surclassato dal compagno di squadra il quale è vice-campione mondiale dietro a Schumi. Nel 2004 non arriva nessun risultato e la sua avventura alla McLaren giunge al termine. Viene sostituito da Montoja, così, l'anno successivo, David approda alla Red Bull. Gli obiettivi per lui ormai sono diversi: Coulthard ha il compito di far crescere una squadra che non è certamente tra i top-team. Due quarti posti nel 2005. Un terzo posto, a Monaco, nel 2006. Un quinto ed un quarto posto nel 2007. Un terzo posto a Montreal, nel 2008. E' questo il suo ultimo anno. Alla seconda curva dell'ultimo G.P. della stagione, in Brasile, tamponato da Nico Rosberg va a sbattere contro Kazuki Nakakima e deve abbandonare. Si conclude così la sua carriera nella massima categoria delle quattro ruote. David Coulthard, uno dei più longevi piloti della F.1, si ritira all'età di 37 anni.

 

 

David Coulthard è apparso nelle storie di Michel Vaillant:

 

nell' episodio n°61  della s.n. 

"La fièvre de Bercy" (1998) "La febbre di Bercy"

 

David in mezzo ai colleghi

 

 

 

 

 

 

I PILOTI "REALI" -  DAVID COULTHARD

 Il sito non utilizza cookie di profilazione ma solo cookies tecnici e di terze parti. Per saperne di più vai alla pagina "PRIVACY POLICY E COOKIE"